Oct 012011
 

Articolo originale pubblicato su il panda verde

Oggi vi parlo di Deja Dup, il tool che ho utilizzato per fare una copia di sicurezza dei file prima di effettuare l’avanzamento a Lubuntu 11.04 (molto probabilmente arrivo un po’ tardi per questa operazione ma il programma val bene un post sul blog). Si tratta infatti di un ottimo software per creare backup (tanto che fa parte dei pacchetti di serie su Fedora 13 e se tutto andrà nel verso giusto verrà anche inserito in Ubuntu 11.10) ma il motivo del post non è proprio questo, la grande dote Deja Dup è la sua estrema semplicità di utilizzo, bastano infatti un paio di click per configuralo e salvare i nostri preziosi documenti, anche “in the cloud”.


Aprendo il programma ci troviamo di fronte a due sole possibili scelte: eseguire o ripristinare un backup (difficile sbagliare).

Déjà Dup_001

Se scegliamo la prima alternativa non ci resta che decidere dove salvare i file, fra le possibili opzioni ci sono i servizi cloud di Amazon S3 e Rackspace, una condivisione Windows, FTP, SSH, WebDAV oltre alle più classiche unità disco interne ed esterne ed inoltre quali le cartelle desideriamo includere e quali escludere dal backup.

Back Up_001

Back Up_002

Anche il ripristino è un’operazione semplicissima, l’unica informazione richiesta è la posizione del backup da ripristinare.

Per gli utenti più esigenti nella scheda preferenze di Deja Dup è possibile anche impostare la pianificazione periodica dei backup e decidere per quanto tempo questi rimarranno disponibili (normalmente è selezionato per sempre).

Come si installa su Ubuntu e altre debianizzate?

sudo apt-get install deja-dup

Aggiungo come nota, secondo me molto interessante, che Deja Dup include anche l’opzione per cifrare tutti i backup effettuati.
Per quello che so questa utile applicazione sarà inclusa di default in Ubuntu 11.10, e quindi probabilmente si diffonderà tra i tanti utenti Linux di questa distribuzione.


Popular Posts:

flattr this!

  7 Responses to “Deja Dup, il backup semplice e veloce è servito”

  1. useless if you have one server without graphic interface

  2. Deja Dup is available on Redhat based distributions also.

  3. E per quello che riguarda il ripristino di un singolo file?!

    • Nella versione attuale non è supportato, quindi puo fare restore di tutto nelal directory originale, oppure recuperare il tutto in una directory temporanea e da li scegliere i soli file che ti interessano.
      E? comunque nella wish list del prodotto.

      Ciao

  4. Mah, saro prevenuto, ma secondo me non c’e’ niente di meglio di un bel tar ed lrzip.
    Si ha la comodita’ di impacchettare e spacchettare cio’ che realmente si vuole, agendo effettivamente su cio’ che si vuole, e ridurlo davvero ad i minimi termini. Basti pensare che ho compresso una raibowtable da 64gb in 2.4 gb

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>