Sep 012012
 

FreedomBox è un interessante progetto la cui missione è la creazione di un piccolo computer, semplice ed economico che serva a garantire la libertà nella propria casa, così anche le persone non-tecnologiche possano utilizzare software avanzato per ottenere privacy e sicurezza.

Questa è la dichiarazione di intenti del progetto:

Vision Statement

Viviamo in un mondo in cui il nostro uso della rete è mediato da parte da organizzazioni che spesso non hanno i nostri interessi a cuore. Con la costruzione di un software che non si basa su un servizio centrale, siamo in grado di riprenderci il controllo e la privacy. Mantenendo i nostri dati nelle nostre case, guadagnamo una utile protezione legali su di essi. Dando potere agli utenti con le loro reti e macchine, stiamo facendo tornare Internet alla sua destinazione originaria, il peer-to-peer.

Al fine di realizzare l’ordine della nuova rete, è fondamentale che sia facile unirsi ad essa. L’hardware su cui gira deve essere a buon mercato. Il software con cui funziona deve essere facile da installare e gestire da chiunque. E deve essere facile la transizione dai servizi esistenti.



Allora, cosa è FreedomBox?

FreedomBox metterà nele mani della gente e sotto il loro controllo la comunicazione vocale e di testo cifrata, la pubblicazione anonima, social networking, la condivisione dei media, e di (micro)blogging.

La maggior parte del software è già presente: onion routing, crittografia, reti private virtuali, ecc Ci sono piccoli, computer a basso watt noti come “plug computer” che possono eseguire questi software. La parte più dura è l’integrazione di questa tecnologia, la sua distribuzione, e renderla facile da usare a chi è senza esperienza. La parte ancora più difficile è quella di decentrare gli utenti in modo che non abbiano bisogno di contare ed aver fiducia su infrastrutture centralizzate.

Questo è ciò che è FreedomBox: integra la protezione della privacy su un computer a basso costo in modo che tutti possano avere privacy. I dati rimangono nella propria casa e non possono essere estratti dai governi, miliardari, teppisti e nemmeno vicini di casa pettegoli.

Con FreedomBoxes nella propria case, chiunque, a prescindere dalla sua abilità tecnica, può facilmente godere di una comunicazione sicura, privata ed anche anonima!

Rilasciata la 0.1 !

Solo pochi giorni fa, è stata rilasciata la versione 0.1, questa è principalmente una release di sviluppo, il che significa che si concentra su architettura e infrastrutture e non sui lavori di rifinitura. L’eccezione a questo è privoxy-freedombox un proxy web, che le persone possono iniziare a utilizzare da questo momento per rendere la loro navigazione sul web più sicura e privata e che sarà molto presto disponibile anche sui sistemi non-FreedomBox.

Questo software combina la funzionalità di blocco delle pubblicità di Adblock Plus, l’elenco di filtri di Easy Privacy, ed il plugin reindirizzamento HTTPS Everywhere in un unico pezzo di software da essere eseguito sul FreedomBox. la combinazione di questi diversi plugin in un software per FreedomBox significa che si possono usare con il browser o qualsiasi dispositivo mobile con uno standard di connessione proxy web. A causa della nostra attenzione sulla costruzione di FreedomBox come parte di Debian questo software sarà presto a disposizione di chiunque voglia eseguirlo su un sistema Debian, indipendentemente dal fatto che si stia usando l’hardware di destinazione di FreedomBox, il DreamPlug, un computer portatile, o un rack server di grandi dimensioni da qualche parte.

Servizio della CBS: “Freedom Box”: Internet free of government control?


Popular Posts:

flattr this!

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>