mar 262011
 

Ubuntu Buone notizie, in occasione dell’ultima riunione del Ubuntu Technical Board i membri hanno votato contro l’inclusione (di default) di software non libero nella distribuzione Ubuntu. La Ubuntu Technical Board è responsabile delle decisioni di architettura e tecniche in Ubuntu. Fissano gli standard richiesti per il confezionamento e l’integrazione con Ubuntu, così come della chiusura del processo di rilascio e di obiettivi, e sono i responsabili per la concessione di uno stato ufficiale e dei diritti di accesso agli sviluppatori e il leader è ovviamente Mark Shuttleworth.

Qua potete trovare la proposta chiamata anche “Far funzionare Youtube” e che chiedeva che l’opzione per ‘installare software di terze parti’, durante l’installazione di Ubuntu fosse selezionata di default.

L’obiettivo della proposta era quello di rendere tutto più facile per i nuovi utenti di ubuntu che non sanno che cosa sia il flash o il software non-free, o come la patch dice “vogliono solo usare Youtube”

Risultato:

Ubuntu non consentirà l’installazione di default di ubuntu-restricted-*, e manterrà la sua posizione
Il risultato finale è 0 per i, 5 contrari. 0 astenuti. Totale: -5

Per me è una grande notizia, Ubuntu preferisce perdere qualche utente, ma gli altri saranno istruiti (si spera) in quello che significa GNU, GPL, FSF e perché il software non-libero è un male per tutti.

E per youtube ?
Aspetto fiducioso HTML5 ed i codec Free, ed intanto uso minitube

[amazon_enhanced asin="1430219998" price="All" background_color="332610" link_color="FFFFFF" text_color="D4CE99" /]

Popular Posts:

flattr this!

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>