Apr 282013
 

livarp

Recentemente ho pubblicato un articolo su Windows Manager ed ambienti desktop che utilizzano meno risorse su Linux e, grazie ad un commento di Sebastian ho scoperto Livarp , una distribuzione GNU / Linux decisamente leggera.

Livarp è una distro basata su Debian che cerca di prendere la parte migliore delle applicazioni disponibili su Debian GNU/Linux senza perdere l’accessibilità o il design, particolare attenzione è stata posta alla documentazione , che in una semplice pagina raccoglie tutte le informazioni più importanti che è necessario conoscere sul software a disposizione di questa distribuzione e su come configurarlo.

E se questo non è sufficiente si può anche visitare il canale IRC #livarp su freenode , dove è possibile ottenere ulteriori informazioni sull’installazione/configurazione.

Livarp può girare su un PIII con 128M di RAM, ma è meglio con un PIV e 512M di RAM, configurazioni superiori sono solo un bonus.




Ma prima di continuare la descrizione di questa bella e piccola distribuzione un avvertimento, Livarp è fatto per le persone che amano il terminale e non sono spaventate dal cambiare un file di configurazione con esso, se si preferisce una distribuzione dove è possibile fare tutto da GUI è meglio restare con la distribuzione GNU/Linux preferita dalle masse.

installazione

Livarp può essere installato dal suo CD di installazione o dall’immagine fatta per USB, ed è disponibile in inglese e francese dalla href=”http://arpinux.org/livarp/download.html”> pagina di download ufficiale, se si desidera il CD in inglese si può usare il comando:

 wget http://arpinux.org/isos/livarp/livarp_039.iso

o se si preferisce scaricare l’immagine per la chiavetta USB utilizzare:

 wget http://arpinux.org/isos/livarp/livarp_039.img

Si prega di notare che al momento della stesura di questo articolo l’ultima versione stabile è la 0.39, ma la 0.40 dovrebbe essere disponibile a breve, quindi verificare sul sito ufficiale se è stata rilasciata la nuova versione prima di utilizzare questi wget.

Una volta scaricata la vostra versione preferita masterizzarlo su CD o messo in sulla vostra chiavetta USB e riavviare il computer, si dovrebbe vedere la seguente immagine:

livarp_0.3.9_syslinux_install

Selezionare GUI install e vi troverete in una installazione guidata standard che vi chiederà le solite cose, come la lingua, il layout della tastiera, la password per l’utente e per root e come partizionare il disco, se siete curiosi o volete vedere quale tipo di informazioni sono necessarie per l’installazione si può andare sul sito di documentazione dove c’è una lista dettagliata di tutte le finestre di installazione , l’installazione completa del vostro sistema dovrebbe prendere tra i 5 ei 15 minuti.

Al vostro primo avvio, lo script di post-installazione verrà lanciato automaticamente per eliminare dal sistema i pacchetti live*, e configurare apt con i repository multimediali, per fare questo il sistema richiederà la password di root che avete appena impostato, dopo di che tutto è fatto, Livarp è installato correttamente.

Caratteristiche di Livarp 0.39

Livarp with Compiz

Livarp con Compiz

Questa è una breve lista delle principali caratteristiche che contraddistinguono questa piccola distribuzione:

  • 95% composto da software libero (conky, alcuni firmware e flashplugin per l’ultimo 5%)
  • leggero, veloce e stabile: livarp è basata su Debian Squeeze una delle distro più stabili al momento.
  • anynoob-inside livarp è fatto per ogni utente che abbia voglia di leggere e scoprire window-manager alternativi.
  • 9 sessioni disponibili da installare dal live CD: vtwm, dwm, echinuswm, awesomewm, evilwm, pekwm, wmfs, fluxbox e compiz stand-alone.
  • livarp-xs-maker, questo script trasforma il vostro livarp in livarp-xs (mono-sessione), eliminando tutte le sessioni non necessarie.
  • centro di aiuto livarp, una documentazione completa disponibile a livello locale nella vostra distribuzione, compresa tutta la documentazione on-line.
  • gestione composito con xcompmgr e transset-df.
  • nessun session-manager grafico: la sessione è lanciato da startx, poi una finestra di dialogo zenity pulita appare per farvi scegliere la vostra sessione.
  • auto-mount gestiti da udisks-glue con notifiche dzen2.
  • gnome-network-manager per la gestione della rete.

Prossimamente in Livarp 0.40

livarp 0.40

Openbox, infos system & keybind help handled by conky as normal window


Livarp_0.4 passerà dagli attuali 9 a 12 differenti Windows Manager che l’autore divide in tre gruppi principali:

‘Base’: dvtm, DWM, Ratpoison e evilwm
‘Config’: dwm_reloaded, wmfs², spectrwm, pekwm e Openbox
‘Grafici’: vtwm, awesome e fluxbox

Quindi una maggiore scelta tra cui scegliere per gli utenti che vogliono sperimentare.

I clickmes

I “clickmes” sono una nuova implementazione dello script di post-installazione e la sostituzione di livarp-xs-allo stesso tempo.
Il principio del post-installazione è quello di completare correttamente l’installazione, offrendo una serie di modifiche opzionali in modo che ogni utente possa installare il software che preferisce,
E da qui nasce il problema: che cosa cambiare e quali pacchetti dovrebbe offrire lo script di post-installazione?
In Debian c’è una vasta scelta di pacchetti, quindi mettere molte scelte potrebbe portare ad un processo di post-installazione più lungo e privare l’utente della scoperta immediata di livarp e questo è in contrasto con l’obiettivo di questa distribuzione.

Quindi la soluzione è quella di preparare una serie di script che si occupano di fare compiti semplici, nella versione 0.40 c’è una cartella “clickmes” che contiene una serie di script chiamati “install-linux-free”, “install-office-light” o “install-unison-backup-software” e così via, si spera che molti altri arriveranno come contributo da parte degli utenti, in futuro, rendendo questa cartella ricca di molti script diversi.

Quindi l’utente dovrà solo usare un file manager, o il terminale, spostarsi nella directory ed eseguire gli script che installano il loro software preferito, un po’ più “grezzo” di Ubuntu Software Center (o equivalento), ma facile da creare ed usare.

Conclusioni

Personalmente mi piace la grande varietà di scelta tra differenti software, ambienti grafici e modalità di utilizzo che GNU/Linux offre, è a mio avviso uno dei suoi più grandi punti di forza, e non una debolezza (vi immaginate se ci fosse solo Unity :) ) a questo aggiungete che sul mio computer di lavoro utilizzo Flubox e quindi la mia opinione non può che essere positiva per questo progetto, che mi sembra molto ben curato e con un grande attenzione alla documentazione, che non sempre ho visto in altri progetti ugualmente ben fatti, ma che lasciavano indietro questo importante aspetto.

Mi sembra anche ottima per tutti i computer datati o se si vogliono testare dei Windows Manager alternativi ai soliti nomi noti senza doverli installare sul proprio computer, potrete finalmente provare Awesome e Ratpoison e vedere se siete a vostro agio con questi gestori di finestre un pò particolari, e senza dover toccare la vostra installazione.

Insomma per concludere i miei migliori auguri all’autore ed a tutto lo staf del progetto, amo sempre i nuovi progetti minimalisti come questo e gli auguro buona fortuna.

e per altre bellissime immagini di questa distribuzione vi consiglio la pagina DeviantArt di Arpinux


Popular Posts:

flattr this!

  4 Responses to “Livarp – Una distribuzione Linux molto leggera”

  1. Very good article!
    Thank you.

  2. hi,
    first of all, a real big thank to you for this review Mr. Linuxaria :)

    i hope my bad english didn’t disturb you too much ;)

    as you give all necessary informations, i just have to add that livarp_0.4 will be available on 22 of May.

    stay tuned ! :D

    keep up the good work, thx again,
    have a nice day,
    arpinux aka arnault

  3. I’ve tried the livarp and it’s pretty impressive, I was looking for something responsive, fast and secure without eyecandy everywhere… I took my steps in and now I didn’t remember how was the windows managers. ;-)
    livarp is good, really good

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>