Mar 312014
 

La produttività è molto importante. Con un incremento di produttività si risparmia tempo e si ottiene più lavoro fatto in breve tempo. Ecco perché oggi nelle fabbriche le linee di produzione sono automatizzate. Incrementare la produttività è importante anche nell’uso quotidiano del computer. Non importa se sei solo un utente normale desktop, power user, sviluppatore o podcaster, con un incremento della produttività è possibile risparmiare tempo, fare di più e magari anche risparmiare un po ‘di spazio su disco, CPU e RAM. Molte persone non sanno che ci sono alcune applicazioni eccellente opensource per incremento della produttività. Alcuni di loro vengono gli strumenti GNU come standard con ogni sistema operativo basato su Linux e altri sono componenti standard di tutte le principali distribuzioni Linux.

L’idea alla base di questo articolo è quello di coprire alcuni software che sarà utile per gli utenti desktop regolari e anche per le piccole aziende e gli uffici.

1. ) Terminale Linux

Console Linux è molto potente e utile. Imparare il vostro senso attraverso console dovrebbe essere su una lista da fare per ogni utente. Oggi la maggior parte degli utenti guardano console come alcuni software arcaico, ma console non è morta. E ‘utilizzato da milioni di utenti ogni giorno. Amministrazione dei sistemi, database, sviluppo e molti più compiti può essere fatto più velocemente dalla console quindi da qualsiasi applicazione GUI.

Potete controllare il mio articolo su 10 programmi da utilizzare dal terminale, per avere un’idea di cosa si può fare sulla riga di comando. Continue reading »

flattr this!

Feb 222012
 

E’ divertente come attraverso piccoli compiti quotidiani capiti di trovare nuove funzionalità o comandi che prima non si conoscevano, ed anche oggi mi è capitata questa cosa.
In particolare dovevo fare una cosa abbastanza semplice su un server dove avevo un terminale, lanciare : comando1 | tail -n 2 tail mi serviva per avere da un lungo output solo le linee significative che poi dovevo passare ad un’altra funzione, ma oltre a questo mi serviva capire anche che il comando1 fosse terminato con un exit code 0 o nel caso non lo fosse con quale codice di uscita era terminato.

Un semplice :

....
comando1 | tail -n 2 
if [ $? -ne 0 ]
	then
		echo "comando1 fallito."
		EXIT_CODE=1
	fi
....

Non funziona in quanto prende sempre il codice di uscita di tail, che nel mio caso è sempre 0.
Ho quindi googlato un po ed ho trovato più di una soluzione per questo semplice problema. Continue reading »

flattr this!

Dec 052010
 

terminalCapita spesso di trovare nei propri filesystem dei file con nomi strani, ovvero con caratteri non alfanumerici o con spazi tra le varie parole, magari caricati da utenti, o file prodotti per errore da qualcuno o da qualche programma; e purtroppo non è spesso banale fare un mv < file > o rm < file >.

Vediamo come liberarci di questi orrori.

Continue reading »

flattr this!

Scavate nella vostra storia

Il comando history è molto utile quando si lavora spesso a terminale e si vuole richiamare un comando dato in passato. Ma esistono varie opzioni non così comuni e poco conosciute, in questo articolo vedremo come utilizzarle in bash e zsh. Uso base Mostra gli ultimi comandi dati a terminale. Si applica a bash and [...]

Alias in Zsh

Nelle varie shell i comandi usati frequentemente possono essere abbreviati con comodi alias, un esempio classico è alias ll=’ls -al’ Anche in questo campo zsh ha delle interessanti caratteristiche, che gli permettono di definire alias tradizionali ma anche cose un po più particolari.