mag 092013
 

Modificare il menu di GRUB non è la cosa più facile da fare, e se si fa qualche errore vi è il rischio che non si sia più in grado di fare il boot nel vostro sistema Linux, per questi motivi di solito è suggerito utilizzare qualche strumento per modificare le configurazioni di grub, oggi vi farò vedere Grub Customizer .

Grub Customizer è un gestore grafico di impostazioni per GRUB2 e BURG che permette a chiunque di impostare facilmente le opzioni di avvio.

Avvertimento: Grub Customizer dovrebbe essere un’applicazione stabile, ma si dovrebbe essere molto attenti quando lo si utilizza ed essere sicuri di sapere quello che si sta facendo!
Lavorare a cuor leggero con GRUB2/BURG potrebbe causare il mancato avvio del sistema!




Caratteristiche Principali:

  • spostare, rimuovere o rinominare le voci di menu (che non saranno toccate da un update-grub)
  • modificare il contenuto delle voci di menu o crearne delle nuove (modifica il file 40_custom)
  • supporto per GRUB2 e BURG
  • reinstallazione del bootloader su MBR
  • impostazioni come sistema operativo predefinito, parametri del kernel, immagine di sfondo e colori del testo

Installazione

Per Ubuntu e Mint puoi aggiungere il PPA alla lista dei tuoi repository con questi comandi:

sudo add-apt-repository ppa:danielrichter2007/grub-customizer
sudo apt-get update
sudo apt-get install grub-customizer

Per Fedora ci sono alcuni pacchetti disponibili online e per Arch c’è un pacchetto disponibile in AUR, o se preferisci c’è una guida completa sul come sacricare i sorgenti e compilare Grub Customizer.

Uso

Una volta installato è possibile accedervi digitando Grub Customizer nella Dash di Unity, oppure si può semplicemente aprire un terminale ed eseguire il comando

sudo grub-customizer

In entrambi i casi si dovrebbe ottenere una finestra simile a questa:

grub-customiser

Questa è la Schermata principale di Grub customizer.
Il software esegue, automaticamente all’avvio, il rilevamento delle varie partizioni presenti sul computer. Dopo pochi istanti si vedrà all’interno del programma le varie voci in GRUB.

Nelal schermata principale è possibile:

  • attivare e disattivare le voci per i vari sistemi operativi;
  • modificare il nome predefinito di ciascun elemento;
  • attivare o disattivare la voce per il test della memoria;
  • aggiungere uno script personalizzato;
  • Scegliere di installare GRUB2 nel MBR o in una partizione specifica.

La seconda scheda di questa applicazione è dedicata alle Configurazioni Generali.

grub-customiser2

Questa sezione consente di regolare i vari parametri ed impostazioni:

  • impostare la voce di avvio predefinita, selezionare il numero della voce o la sua descrizione;
  • Configurare alcune opzioni del kernel;
  • impostare il numero di secondi prima che l’avvio di default del sistema operativo;

E l’ultimo Tab è usato per le Configurazioni sull’aspetto .

grub-customiser3

Questa sezione consente di modificare alcuni aspetti della comparsa del menu di GRUB:

  • Cambiare la risoluzione;
  • impostare un look personalizzato scegliendo tra diverse combinazioni di colori.
  • Impostare il tuo sfondo personalizzato per il menu.

Una volta terminato, è necessario fare clic sul pulsante Salva per applicare le modifiche e generare un nuovo file grub.cfg.

Questo è un modo facile e “sicuro abbastanza” per modificare il menu di GRUB, ma non dimenticate l’avviso iniziale, se sbagliate a generare il file grub avrete bisogno di un CD live per ricostruire il menu di GRUB nel MBR!.



Popular Posts:

flattr this!

  2 Responses to “Modificare le opzioni di Grub con Grub Customizer”

  1. Hello, I am not as knowledgeable as I would like to be with command lines. and I seem to be having trouble adding the repository on my distro.
    I have recently switched to Debian 7 from Ubuntu. If I’m not mistaken Ubuntu is a Debian derivative correct?
    When I run: “sudo add-apt-repository ppa:danielrichter2007/grub-customizer” everything seems to work fine. however when I run: “sudo apt-get update” I get the following 404 output pertaining to the relevant repository’s:


    Err http://ppa.launchpad.net wheezy/main Sources 404 Not Found
    Err http://ppa.launchpad.net wheezy/main i386 Packages 404 Not Found
    Ign http://ppa.launchpad.net wheezy/main Translation-en_US
    Ign http://ppa.launchpad.net wheezy/main Translation-en
    W: Failed to fetch http://ppa.launchpad.net/danielrichter2007/grub-customizer/ubuntu/dists/wheezy/main/so$

    W: Failed to fetch http://ppa.launchpad.net/danielrichter2007/grub-customizer/ubuntu/dists/wheezy/main/bi$

    E: Some index files failed to download. They have been ignored, or old ones used instead. 404 Not Found
    Err http://ppa.launchpad.net wheezy/main i386 Packages 404 Not Found
    Ign http://ppa.launchpad.net wheezy/main Translation-en_US
    Ign http://ppa.launchpad.net wheezy/main Translation-en
    W: Failed to fetch http://ppa.launchpad.net/danielrichter2007/grub-customizer/ubuntu/dists/wheezy/main/so$

    W: Failed to fetch http://ppa.launchpad.net/danielrichter2007/grub-customizer/ubuntu/dists/wheezy/main/bi$

    E: Some index files failed to download. They have been ignored, or old ones used instead.

  2. Would this program allow us to permanently remove all of the obnoxious “GNU” branding from the boot sequence of a Debian Linux/Linux install?

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>