set 112011
 

Come prima cosa devo dire che non ho mai usato questa “linea” di distribuzioni, in passato, quando ho voluto usare rpm ho usato distribuzioni della famiglia Red Hat, e poi mi sono trasferito a distribuzione che usavano il .deb e Gentoo.

E così questa è la mia prima volta con queste 2 distribuzioni, vediamo se Mageia ha superato la casa madre, o Mandriva è ancora leader nel desktop.

Una breve introduzione alle 2 distribuzioni (cortesia di Wikipedia).

Mageia è il nome di una organizzazione non-profit e di una distribuzione Linux. Il 18 settembre 2010, un gruppo di ex dipendenti Mandriva e sostenitori della comunità annunciarono che Mandriva Linux era stata forcata e una nuova distribuzione guidata dalla comunità sarebbe stata creata, chiamata Mageia.

Mandriva S.A. è una software house francese, creatrice di Mandriva Linux.
Mandriva fu creata col nome di MandrakeSoft nel 1998. Attualmente ha uffici in USA, Brasile (Curitiba), Polonia (Poznan) e Francia (Parigi). Mandriva è tra i soci fondatori del Desktop Linux Consortium. Attualmente ha circa 130 dipendenti. Gli utenti di Mandriva Linux sono stimati in circa 6-8 milioni.

Data di rilascio

Mageia 1 è stata rilasciata il 2011/06/01
Mandriva 2011 è stata rilasciata il 2011/08/29

Download

Mandriva è disponibili con solo 1 ambiente desktop, KDE. Ho letto le loro note di rilascio e hanno scelto di usare solo KDE e non supportare gli altri Desktop Environment

Deprecation

GNOME, Xfce and other Desktop Environments (DE) and Window Managers (WM) are no longer included in the official Mandriva packages. Contribution packages from the Mandriva community are available for these desktop environments however. Starting from Mandriva Desktop 2011 only KDE Plasma Desktop is officially supported. If you need Mandriva with another DE or WM you can use unofficial packages or distributions prepared by community members (which are described below).

Sono abituato a Debian, Gentoo ed Ubuntu, quindi avere solo 1 DE. supportato ufficialmente, suono come limitante per me, comunque l’ho scaricato.

Mageia è disponibile in 2 CD c’è una versione per KDE e una per Gnome. Nelle loro note di rilascio Ho letto che Mageia è una distribuzione agnostica rispetto al desktop quindi è possibile utilizzare anche XFCE o LXDE, molto meglio.
Ho scaricato la versione con KDE per una migliore comparazione con Mandriva.

Installazione

Non c’è molto da dire sull’installazione di entrambe le distribuzioni, in entrambe avrete le solite domande sulla tastiera, fuso orario, la lingua e la configurazione delle partizioni, dopo di che sia avvierà il processo di installazione. Alla fine dovrete riavviare e al primo avvio è possibile impostare la password di root ed 1 utente normale.

Pirmo boot ed Aspetto

Mageia è un classico ambiente desktop KDE (io ho scaricato questa versione di Mageia), avete il menu delle applicazioni in basso a sinistra, andando a destra le icone per lanciare alcuni programmi, il selettore della area di lavoro, l’area di notifica ed infine in basso a destra l’orologio.

Altre informazioni:

Dopo l’installazione, al primo login Mageia utilizza 240 MB di RAM e 2,6 GB di disco.
Al momento l’aggiornamento pugno del sistema ha downlaoded e aggiornato 402 pacchetti.

mageia_001

Mandriva, la prima cosa che ho notato è che l’avvio sembra un po ‘più lento, non ho misurato il tempo, ma sembra più lento di Mageia. Forse è dovuto al fatto che Mandriva è appena passato a systemd ?
Come detto Mandriva ha solo un ambiente Desktop basato su KDE, ma ha alcune caratteristiche peculiari:

Non ha icone sul desktop, e quando si clicca in basso a sinistra che non si ha il classici menù kickoff di KDE, ma c’è un menù fatto dal team di sviluppatori russi ROSA Lab . E’ simile a quello in Gnome 3, avete 3 tabs nel primo si trovano le icone dei programmi suggeriti e quella che avete usato di recente, nel secondo tutte le applicazioni e il terzo dovrebbe essere un “storia” di tutti i programmi, documenti, immagini, filmche avete utilizzato, lo chiamano Timeframe

TimeFrame è una nuova utility per Nepomuk. Consente di non pensare più in quale cartella avete salvato la vostra fotografia, video o documenti. È necessaria solo una data. Se si conosce la data si trova tutto. Le informazioni contenute nel calendario sono rappresentate in forma di “nuvola”, così si può facilmente trovare ciò che vi serve.

Anche la barra inferiore è un programma personalizzato fatto da Rosa Lab, e si chiama RocketBar, sembra che Mandriva usi solo 1 workspace.
Dopo l’installazione, al primo login Mandriva utilizza 400 MB di RAM e 6 GB di disco.

mandriva2011_rosa-menu

Rosa Menu - Tab applications

Lista dei Programmi

Questa è una piccola lista di programmi principali disponibili dopo l’installazione:

Mageia

Kernel 2.6.38
KDE SC 4.6.3
LibreOffice
Firefox + Konqueror
Kmail
Gimp
Amarok
Kopete

Mandriva

Kernel 2.6.38
KDE 4.6.5
LibreOffice
Firefox + Konqueror
Thunderbird
Shotwell
Clementine
Pitivi video editor
choqok (microblogging client)
Ktorrent
Kopete

In breve, le 2 distribuzioni hanno un parco software simile, Mandriva installa molto più software di default (6 GB VS 2,4 GB), non è così importante per Mageia se è poi possibile installare ciò che manca dal repository ufficiale.

Conclusioni

Questo è stato davvero un test rapido di queste 2 distribuzioni, quindi potrei essermi perso qualcosa, ma se dovessi installare domani una tra queste 2 andrei sicuramente su Mageia. In generale mi piace l’idea del fork fatto dalla comunità, e il loro risultato è una distribuzione KDE ben fatta e semplice, non ho visto nulla di particolare o emozionante in Mageia, solo un desktop KDE che funziona bene, con i programmi di base installati e tutto quello che vi aspettereste da una moderna distribuzione GNU/Linux.

Dall’altro lato non mi piaciono troppo tutte queste personalizzazioni fatto da un gruppo esterno, ma forse questa sarà come una cosa buona per l’intera comunità GNU/Linux, chi lo sa.
In ogni caso Mandriva ha un aspetto generale buono, e alcune persone potrebbero amare queste personalizzazioni, io non ho neppure trovato nel menu grafico le opzioni per aggiornare il sistema .. vergogna su di me.

Altri pareri su queste distribuzioni:

Darkduck su Mandriva e Mageia
Mandriva 2011 VS Mageia 1


Popular Posts:

flattr this!

  One Response to “Una rapida occhiata a Mageia 1 e Mandriva 2011”

  1. I never thought I’d say this. I’ve been using Mandriva since 7.1. 2011 is a huge disappointment that pushes me to consider something else. Sad since I also use Mandriva Enterprise Server on systems I manage there. 2011 has a 1.6 GB iso vs 2010.2 iso that fills a DVD. There are no install time choices and apparently not even a paid “powerpack”. The only powerpack on the store is 2010.2 One is locked in to a positively awfully complex environment that completely breaks with traditional desktops – and no choice to go with LXDE – which was one of the huge improvements in 2010.x. It’s simply horrible, and is also impossible to install this on some of my older hardware.

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>