lug 182012
 

Articolo originale di http://janssenlima.blogspot.it/ in Portoghese

Oggi vi parlerò di un tipo molto importante di monitoraggio cui poco si parla (forse perché non così tante persone hanno il privilegio di lavorare con l’hardware che supporta questa tecnologia: IPMI).

L’Intelligent Platform Management Interface (IPMI) è uno standard utilizzato per gestire un sistema informatico e monitorare il suo funzionamento. Il suo sviluppo è stato guidato da Intel ed è oggi sostenuta da più di 200 produttori di hardware.
Il suo funzionamento è indipendente dal sistema operativo, che consente agli amministratori di gestire da remoto le risorse hardware ancor prima che sia partito qualsiasi Sistema Operativo. Ad esempio, possiamo monitorare attraverso IPMI la temperature del sistema, le tensioni, le ventole (FAN), gli alimentatori, l’intrusione nel telaio, ecc.
Per quelli che vogliono approfondire la conoscenza di specifiche IPMI, vi suggerisco di leggere il sito Intel . Penso che i più interessati a questo siano i responsabili dei data center e gli amministratori sistema di siti che devono essere altamente disponibili. L’interfaccia IPMI raccoglie le informazioni utilizzando sensori che sono responsabili di fornire queste informazioni in tempo reale.


Un hardware che è compatibile con l’IPMI fornisce una interfaccia web per la gestione remota. Esempi sono: IMM da IBM, iLO da HP , DRAC da Dell, è possibile fare una ricerca su Google Immagini per visualizzare l’interfaccia web di questi oggetti.

Per dimostrare il funzionamento di base dell’ottenere informazioni per un’interfaccia IPMI, ho usato un IBM System x3550 M3, che ha una interfaccia web di monitoraggio denominata IMM (Integrated Management Module). Questo server ha una scheda ethernet per la gestione remota in cui possiamo vedere le informazioni IPMI raccolte dai sensori e queste informazioni possono essere visualizzate sul pannello del server o in remoto su l’interfaccia web.

imm

In GNU/Linux, è disponibile un pacchetto denominato ipmitool. Questo pacchetto è disponibile nei repository CentOS. Per le altre distribuzioni, basta fare una ricerca con il parametro ‘IPMI’. Utilizzare YUM per installare il pacchetto in quanto è necessario per fare richieste ai sensori su un host che ha IPMI.

# yum install ipmitool -y

Ora, faremo un test del nostro target, inviando una query al server tramite il protocollo IPMI, chiederemo di vedere quali sensori sono disponibili per il monitoraggio.

# ipmitool -H <ip_interface_ipmi> -U <username> -P <password> sdr</password></username></ip_interface_ipmi>

Come risultato, abbiamo nello standard output del nostro terminale i seguenti dati:

ipmitool

Questi sono solo alcuni dei dati raccolti, poiché l’elenco è enorme e non c’è bisogno di visualizzarli tutti ora. Un altro comando che potrebbe essere eseguito è il seguente:

# ipmitool -H <ip_interface_ipmi> -U <username> -P <password> sensor</password></username></ip_interface_ipmi>

Il comando dovrebbe mostrare un po più di dettagli, come i livelli non critici, critici e fatali. Ad esempio, la temperatura è di 22 ° C. Il livello non critico potrebbe essere 38° C, 4 ° C il critico e 45° C per la soglia fatale. Questi livelli sono ideali per gestire una allarmistica per gli amministratori. Ci sono altri modi di eseguire il comando ipmitool per visualizzare le informazioni provenienti dai sensori dell’interfaccia IPMI. La sua gamma di opzioni è ampia ed è possibile ottenere informazioni più dettagliate. Queste informazioni si possono ottenere consultando il manuale con il comando.

# man ipmitool

Vale la pena notare che lo scopo di questo post era quello di dimostrare come interrogare i sensori disponibili per coloro che desiderano monitorare alcuni dei sensori con IPMI. Un modo potrebbe essere utilizzando scripting (shell, perl, ecc) o attraverso sistemi come zabbix, nel mio prossimo post vi mostrerò come monitorare con esso una interfaccia IPMI.


Popular Posts:

flattr this!

  One Response to “Monitoraggio con IPMI”

  1. Thanks for mentioning the origin of the article.

    Att,

    Janssen

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>