Oct 282013
 

Articolo di TCAT Houser redattore capo di TRCBNews.com

Si potrebbe non aver notato che il computer a $35, Raspberry Pi ha superato 1 milione di unità vendute. Inoltre, hanno spinto i volumi di produzione fino al punto in cui è possibile ordinare più di una unità allavolta.

Ai primi di marzo di quest’anno Raspberry Pi ha firmato un accordo con Sony per spostare gran parte del processo di produzione nel Regno Unito. Tale decisione si basa su una forte domanda nel Regno Unito e in Europa per l’unità e la relativa competenza tecnica dei processi di produzione nel Regno Unito.

“Nel mese di giugno abbiamo programmato 204 unità a settimana. Entro luglio, questo era salito a 10.000 unità a settimana – questo mese raggiungeremo 38.000 unità a settimana, e questo è solo l’inizio “, ha detto Gerald Kelly, il direttore generale dell’impianto Pencoed di Sony .

Dal momento che il processo di produzione ha trasferito la produzione nel Regno Unito i numeri prodotti nel solo Regno Unito sono aumentati a 40.000. Questo significa , in termini quantificabili che il Regno Unito ora produce più dell’impianto cinese – una roba impressionante . Come conseguenza le spedizioni hanno ormai superato quota 500.000, ma con la produzione aumentata così rapidamente 1 milione di unità vendute è un punto di arrivo che si prevede di raggiungere nel mese di luglio .

Fonte http://www.eteknix.com/




Questa è una grande notizia per questo piccolo hardware anche se contrariamente alla credenza popolare, l’hardware non si adatta ad una scatoletta Altoid. : (

Tuttavia ci sono alcuni accessori molto interessanti che includono alcuni case di plastica a basso costo. L’organizzazione sta finendo un case standardizzato per il mercato educativo.

Adafruit Pi Box

Adafruit Pi Box from adafruit.com

Inoltre, se avete voglia di avere una webcam o un hardware in grado di fare video si potrebbe guardare il Raspberry Pi NoIR Camera Module

Pi NoIR

Da adafruit.com

The Raspberry Pi NoIR Camera Module è progettato per essere un add-on per Raspberry Pi che non ha installato un ‘filtro per tagliare l’IR ‘. Come la normale fotocamera Pi, si collega al Raspberry Pi attraverso una delle due piccole prese sulla superficie superiore scheda. Questa interfaccia utilizza l’interfaccia CSI dedicata, che è stato progettato appositamente per l’interfacciamento alle telecamere ed è capace di tassi di dati estremamente elevati, e trasporta esclusivamente dati in modalità pixel

Stavo guardando le opzioni di installazione del sistema operativo e ho notato che hanno creato un boot loader che permette di avere più di un sistema operativo installato. Una delle opzioni che includono è XBMC, che solo di recente ho scoperto come una comunità incredibilmente variegata galassia di supporto al multimediale. Se non universale.

Sarà interessante vedere quanto velocemente l’ultima Ubuntu sarà portata sopra a questi SoC’s (System on Chip) per una facile installazione.

Avete notato la piccola ‘s’ dopo SoC? Sì, ci sono molti sistemi là fuori. Anche Intel è in azione con la MinnowBoard. Si tratta di una intera piattaforma aperta basata sulla vecchia CPU Atom, tuttavia è sposata con una versione leggermente ridotta dell’Ivy Bridge (iCore terza generazione) chipset.

L’Ingresso di Intel non è orientato all’hobbista. Il progetto open source della piattaforma hardware permette di lavorare attorno alla piattaforma hardware x86, dando efficacemente ad ARM un valido concorrente.

Produttori saranno felici, perché il sistema di riferimento è valutato per uso industriale. Per dirla semplicemente si traduce in un funzionamento a temperature che né voi o potremmo resistere.

Intel non è l’unico concorrente che commercializza questi prodotti.

Il A13-OlinuXino-WiFi https://www.olimex.com/Products/OLinuXino/A13/A13-OLinuXino-WIFI/open-source-hardware ha iniziato la commercializzazione.

Pensatelo come un Raspberry Pi solo con una CPU più potente, Wi-Fi 802.11n integrato ed un orologio in tempo reale. Funziona con Android e supporta una scheda SD per l’avvio delle immagini Linux.

Inoltre a differenza di Raspberry Pi, supporta la VGA, oltre a HDMI, ed i segnali LCD sono disponibili se si disattiva VGA o HDMI.

Il 1° novembre la società inizierà a spedire la sua versione da la sua versione della Arduino!
http://olimex.wordpress.com/2013/10/11/look-mom-i-shrink-the-arduino/

Ci piace giocare con Arduino e ci piace molto, ma una cosa ci ha sempre infastidito – è enorme.
Che cosa si fa quando si vuole realizzare un piccolo data logger, RF/Zigbee baecon, reti di sensori, qualcosa da indossare, ecc? utilizzare questa scheda? Troppo grande.

Questo è il modo in cui è nata l’idea per OLIMEXINO-NANO.

Abbiamo sostituito completamente l’Arduino con delle dimensioni di soli 30x30x8 mm

nano-front

 

Conclusioni

Il mercato dell ‘”open hardware” è più vivo che mai e questa è davvero una grande notizia IMO, io continuo a pensare a prendere un Raspberry Pi nella mia calza di Natale.

E se questo potrebbe non fare per voi c’è una grande varietà di progetti SoC là fuori. Basta dare un’occhiata a wikipedia alla pagina: List of single-board computers

PS: Ancora alla ricerca di un hardware in un Altoid ?




Popular Posts:

flattr this!

  One Response to “L’Open Source è inutile – Senza l’hardware”

  1. How is any of this open hardware?

    Aaron Seigo spoke about open hardware on one of his blogcasts. Maybe you could do an interview.

    http://en.wikipedia.org/wiki/Open-source_hardware

    http://www.muktware.com/2013/10/motorola-announces-project-ara-modular-smartphone-open-hardware-platform/15297

    http://opensourceecology.org/

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>