Sep 032011
 

Oggi vi presenterò alcuni giochi di un genere classico: Rogue

Rogue è il primo videogioco di esplorazione di un dungeon sviluppato da Michael Giocattolo e Glenn Wichman intorno al 1980.
Il roguelike è un sottogenere di videogiochi di ruolo , caratterizzata dalla randomizzazione per la rigiocabilità, la morte permanente, ed il movimento a turni. La maggior parte dei roguelikes ha la caratteristica di una grafica ASCII, mentre quelli più recenti stanno sempre più offrendo una grafica evoluta. I giochi sono di solito esplorazioni di dungeon, con molti mostri, oggetti e caratteristiche ambientali.

Nethack

NetHack è un videogioco single-player, roguelike originariamente pubblicato nel 1987. Si tratta di un discendente di un gioco precedente detto Hack (1985), che è un discendente di Rogue (1980), questo è uno dei giochi più simile al Rogue originale.

E’ un gioco meraviglioso, andate in giro in un dungeon cercando l’Amuleto di Yendor! Ma attenzione, non è un compito facile, perché la morte è permanente, e si muore un bel po. Ma non scoraggiatevi, il gioco vale la candela, con tutti i diversi percorsi che si può prendere. Iniziato più di 20 anni fa, è ancora in fase di sviluppo attivo e ricco di caratteristiche interessanti, come la capacità di addomesticare gli animali selvatici e insegnare loro a rubare, o imparare le vie della magia, o anche solo tracannare pozioni casuali e vedere cosa succede. È possibile avere allucinazioni, levitare, trasformarsi in pietra, avere la propria pozione di succo di frutta iniziare a bollire ed esplodere, leggere le lapidi, e usare le bacchette per sparare proiettili magici, e dimenticare di prestare attenzione al vostro cane e farlo tornare selvatico e mangiarvi.

Quindi, come avete visto il gioco offre un sacco di diverse opzioni, personaggi e modi di giocare, anche per la grafica si può scegliere tra ASCII classico o una grafica elementare.

Nethack

Nethack-tiles

Esistono anche opzioni per avere una grafica migliore, come la prospettiva isometrica di Falcon’s Eye e Vulture’s Eye, o il rendering tridimensionale, che offre noegnud. Vulture’s Eye è un fork del defunto progetto Falcon Eye. Vulture’s Eye aggiunge ulteriori elementi grafici, suoni, correzioni di bug e miglioramenti delle prestazioni, ed è in fase di sviluppo attivo in un ambiente collaborativo ed open source.

Vultures-2.1.0_screenshot

Un altro aspetto positivo di Nethack è che di solito è disponibile come pacchetto in tutte le distribuzioni quindi non sarà difficile iniziare a giocarci.

City of the Condemned

Il gioco rappresenta una battaglia tra gli eserciti del Cielo e dell’Inferno in una città dove le anime di persone innocenti sono in pericolo.
Gioca nei panni di un angelo, un guerriero divino di Dio, con la missione di sconfiggere il male e proteggere gli umani.
Oppure prendete il la parte di un demone, una sinistra creazione del diavolo in grado di possedere le persone per creare caos.

L’idea principale del gioco è quello di rappresentare la battaglia tra bene e male, Paradiso e Inferno in una piccola città. È possibile partecipare le forze demoniache di Lucifero e di possedere gli umani innocenti per evolversi in una creatura più potente – o si può essere un angelo guerriero divino e immortale di Dio, con la missione di proteggere le anime del popolo, mentre sconfiggete gli esseri satanici, allo stesso tempo.

Il gioco utilizza la grafica classica ASCII ed è stato creato nel 2010 durante il 7DRL Contest 2010.
Un Seven Day roguelike(7DRL) è un roguelike creato in sette giorni e vi è un concorso annuale per vedere chi riesce a creare un gioco simile a Rogue in appena una settimana.

Angband

Angband è un, gioco single-player gratuito di esplorazione di dungeon dove si prende il ruolo di un avventuriero, esplorando un profondo dungeon, combattendo mostri e acquisendo le migliori armi possibili, tutto in preparazione di una battaglia finale con Morgoth, il Signore delle Tenebre.

Il gioco ruota intorno alla esplorazione di 100 livelli di un dungeon, in cui il giocatore cerca di accumulare energia sufficiente e attrezzature per sconfiggere alla fine Morgoth. Un nuovo livello è generato in modo casuale ogni volta che si cambia livello, che dà grande valore alla giocabilità di Angband: non ci sono due partite uguali.

Il gioco è basato sugli scritti di J.R.R. Tolkien, in cui Angband è la fortezza di Morgoth.

Iniziare con il gioco è facile. Si può giocare con la grafica originale o in testo ASCII (è più divertente di quanto sembri), e vi è un ampio aiuto disponibile all’interno del gioco.

Angband ha generato molti derivati​​. Una famiglia di una sessantina di varianti esistenti, di cui circa una mezza dozzina sono attivi. Ognuna diversa nello scopo e il grado di alterazione. La variante multiplayer MAngband è stata sviluppata nel 1997, comprende il tempo reale per supportare gli elementi di gioco simultaneo. ZAngband (Zelazny Angband), è in gran parte basato sulle cronache di Ambra di Roger Zelazny.



Tales of Maj'Eyal

Tales of Maj’Eyal (ToME)

Tales of Maj’Eyal (Tomè) è gioco un open-source, single-player, tattico di ruolo, roguelike e d’azione ambientato nel mondo di Eyal.

Questa è l’età di Ascendancy, dopo oltre diecimila anni di lotte, di dolore e di caos il mondo conosciuto è finalmente in una pace relativa. Gli effetti degli ultimi Spellblaze sono ora domati, la terra guarisce lentamente e le civiltà si ricostruire dopo l’età di Pyre.

E’ da 122 anni, da quando i regni alleati si sono stabiliti sotto il dominio di Toknor e sua moglie Mirvenia. Insieme hanno governato i regni con equità e portato la prosperità di entrambi gli halfling e gli esseri umani. Il re è morto di vecchiaia quattordici anni fa, e suo figlio, Tolak, è ora re.

I regni degli elfi sono tranquilli. Gli elfi Shaloren nella loro casa di Elvala stanno cercando di far dimenticare al mondo loro ruolo nella Spellblaze e vivono una vita felice sotto la guida di aranion Gayaeil. Gli elfi Thaloren mantengono la loro antica tradizione di vivere nei boschi, come sempre governata dal Nessilla Tantaelen il saggio.

I nani del Trono di Spade hanno iniziato un rapporto commerciale con i Regni alleati per quasi 100 anni, ancora non si sa molto su di loro, nemmeno il loro leader.

Mentre il popolo di Maj’Eyal sa che i maghi hanno contribuito a porre fine al terrore dei Spellblaze, non dimentica che è stata una magia che ha iniziato quegli eventi. Quindi i maghi sono ancora evitati dalla società, se non addirittura perseguitati. Eppure, questo è un periodo d’oro, le civiltà guariscono dalle ferite di migliaia di anni di conflitto, anche gli umani e gli halfling hanno fatto una pace duratura.

Sei un avventuriero alla ricerca di vecchi poteri, tesori e gloria. Tu andrai là in luoghi perduti e dimenticati, selvaggie foreste e rovine sigillate. Cosa troverai in questa epoca di supposta pace?

Il gioco è ancora contrassegnato come Beta (numero 31 al momento) ma si può iniziare a giocare, se siete incerti guardate questo video:

DoomRL

DoomRL (Doom,roguelike) è un veloce e furioso gioco roguelike da coffe-break , che è fortemente ispirata al famoso gioco Doom FPS di ID Software.

DoomRL è basato su turni, offre una interfaccia top-down formata interamente da caratteri ASCII, e dispone di un sistema di livellamento del personaggio con tratti. In quanto si basa su Doom, il gioco è più veloce e orientato al combattimento rispetto a quello che capita di solito per un roguelike, e fa leva sulla distanza piuttosto che sul combattimento corpo a corpo. Un inventario limitato per il giocatore, oggetti non sovrapponibili , e altre scelte di progettazione in contrasto con la complessità spesso estrema di giochi nel suo genere.

DoomRL include l’intero set di suoni di Doom (anche se un sottoinsieme significativo dei suoni non sono attualmente utilizzati) e una biblioteca musicale, con il supporto opzionale per l’alta qualità MP3.


Popular Posts:

flattr this!

  One Response to “5 Giochi in stile Rogue”

  1. ooo DoomRL will try soon thanks!

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>