Apr 202011
 

librePiccola introduzione, il 15 aprile 2011 Oracle ha annunciato che abbandonerà lo sviluppo della versione commerciale di open office e che quindi diventerà ufficialmente solo un progetto suportato dalla comunità. Ovvero addio OpenOffice, benvenuto libreoffice.

Articolo Originale di: Michael Dorf

Quando Oracle ha acquisito Sun Microsystems, Sun stava attivamente sponsorizzando una serie di progetti open source. In passato, Oracle ha avuto un successo limitato con il software open source e molti hanno ritenuto che Oracle non abbia capito l’opensource. Così mentre Oracle iniziava ad assimilare le varie parti di Sun Microsystems, la comunità aspettava e guardava  per vedere se Oracle sarebbe diventato un buon cittadino open source.

La comunità non ha avuto bisogno di aspettare a lungo. Uno dei primi passi falsi  di Oracle nella comunità open source è avvenuto quando ha intentato una causa per violazione di brevetto contro la piattaforma Android di Google. Questa denuncia ha scosso la comunità open source in quanto molti visto questa mossa come un cattivo utilizzo dei brevetti di Sun su Java e affini. Inoltre ha fatto mettere in discussione il futuro di Java per molti membri della comunità. E per coloro che facevano affidamento su altri progetti open source di Sun, ha messo in discussione il futuro di tali progetti.


Da MySQL a Drizzle. Uno dei primi progetti open source di Sun fuggito da Oracle è stato MySQL. I fondatori di MySQL sentivano da qualche tempo che alcune delle funzioni enterprise più recenti erano inutili. C’è stato anche un forte desiderio di rivedere un sacco di codice di MySQL e fare una buona dose di revisione. Dopo che Oracle ha preso le redini di Sun che aveva acquistato MySQL prima dell’acquisizione di Oracle, le frustrazioni degli sviluppatori originali sono venute al pettine. Questo ha portato ad un fork di MySQL chiamato Drizzle. I fondatori di MySQL hanno lasciato Oracle per lavorare su Drizzle, che si sta sviluppando come un database progettato specificamente per soddisfare le esigenze di storage dei dati di nuovi ambienti di cloud computing.

Da Open Solaris a Illumos. Nel mese di agosto, un altro progetto open source di Sun ha saputo il suo destino sotto Oracle. I piani di Oracle per il futuro del progetto Open Solaris sono trapelati. In poche parole, il rilascio del codice dalla release commerciale di Solaris sarà scaglionato ulteriormente il che conduce il progetto Open Solaris a ricevere il nuovo codice dopo molto tempo rispetto al rilascio commerciale. Ciò ha portato la comunità Open Solaris a fare un fork dell’attuale codice Open Solaris, e Illumos è nato. La comunità Illumos ha detto che per molti aspetti non sono un fork vero in quanto ha ancora intenzione di seguire da vicino l’Oracle Open Solaris. Il loro obiettivo è quello di sostituire le porzioni chiuse di Open Solaris con le componenti della sviluppate dalla comunità

Correlato a Illumos, è anche il progetto Open Indiana. Il progetto Open Indiana ha un obiettivo dichiarato di essere la distribuzione di default di un Solaris libero. Il progetto si rivolge ai server e spera di diventare lo standard per una versione gratuita di Solaris. Il loro rilascio iniziale ha ricevuto alcune recensioni negative in quanto sembrava essere scarsamente testato e piuttosto mal costruito. Speriamo che il progetto Open Indiana guadagni più di trazione ora che si è liberato da Oracle.

Da Open Office a LibreOffice. nel novero dei progetti di Sun che scappano da Oracle, la comunità Open Office ha annunciato di recente la Document Foundation. Il suo obiettivo è di estendere Open Office in una suite gratuita per ufficio e sostenuta indipendentemente dalla comunità. Questa suite è stata chiamata LibreOffice ed è un fork di Open Office, un altro ex progetto open source di Sun. Uno degli obiettivi dichiarati della nuova fondazione è di essere il più possibile amica degli sviluppatori.

Sembra che molti dei timori dei sostenitori dell’open source per quanto riguarda l’acquisto di Oracle di Sun si siano avverati. Tuttavia, è evidente che comunità non è solo andare a guardare pigramente i suoi progetti nei brandelli di tempo. Quando una società, come Oracle, rende chiaro che non tiene ai valori della comunità open source, quest’ultima inpacchetta i suoi giocattoli e va a giocare con a qualcun altro. Niente dimostra questo punto abbastanza chiaramente come il numero dei progetti open source di Sun che sono stati forcati, in quanto la comunità fugge da Oracle. Forse Oracle potrà finalmente imparare una lezione o due su come funziona l’open source.

Michael Dorf – About the Author:

Michael Dorf is a professional software architect and instructor with a M.S. in Software Engineering and 12 years of industry experience. He teaches for LearnComputer! (learncomputer.com), which offers instructor-led public and onsite Java Training courses. Whether you sign up for a standalone Java Course or take it as a pre-requisite for an Android Course, you will be happy with the end result!

 

Popular Posts:

flattr this!

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>