ago 182011
 

Zentyal, precedentemente conosciuto come eBox platform, è una Linux Ubuntu rimasterizzata multi-funzione ed è basata su Ubuntu server 10.04 (LTS). Può funzionare come gateway di rete, gestione unificata delle minacce e dei pericoli di rete, server dell’ufficio, gestore dell’infrastruttura, e server di comunicazione unificata. Il codice sorgente del progetto è disponibile sotto i termini della licenza GNU General Public License, così come sotto una varietà di accordi proprietari. Zentyal è di proprietà e sponsorizzato da una singola azienda per fini di lucro, la società spagnola eBox Technologies SL, che detiene il copyright per il codice di base

L’obiettivo dichiarato di questo software è di essere un’alternativa per piccole e medie imprese a Windows.

Installazione

L’installazione è sostanzialmente l’installazione testuale di Ubuntu 10.04.
Una volta installato avrete un desktop LXDE con qualche applicazione installata (Firefox, un visualizzatore di immagini, un editor e non molto altro), ricordiamoci che l’obiettivo è quello di avere un server che offra servizi di rete, ed in effetti la forza di Zentyal è la sua interfaccia web di gestione ed amministrazione di vari servizi.

Dopo un reboot la prima cosa che dovrete scegliere è quali moduli si desidera installare sul proprio server, Si può scegliere di installare tutti o alcuni dei moduli. Ogni modulo offre una serie di caratteristiche e si possono anche installare successivamente o rimuoverli se non utilizzati.

L’elenco completo dei moduli disponibili si può trovare sulla pagina ufficiale delle caratteristiche.

Amministrazione

È sempre possibile aprire un terminale e da lì usare aptitude o apt-get, ma l’obiettivo di Zentyal è quello di essere utilizzabile anche da persone che hanno meno competenze, e quindi la maggior parte dell’amministrazione è fattibile tramite una connessione sicura (https), sull’interfaccia web con i moduli che avete scelto di installare

L’interfaccia web di Zentyal utilizza un webserver Apache con mod perl come componente di base e Mason come elemento di costruzione, è principalmente scritto in Perl orientato agli oggetti, con alcuni Javascript per i miglioramenti visivi.

Moduli commerciali

In Servizi Zentyal di Abbonamento Professional ed Enterprise, si trovano funzionalità aggiuntive (servizi e add-on) che possono essere aggiunti all’installazione Zentyal default. I servizi, che comprendono Quality Assured Software Updates, Virtual MSP, aggiornamenti per la protezione avanzata, Virtual CIO, Disaster Recovery, e chiamate VoIP, sono disponibili tramite Zentyal Cloud e addons .

Conclusioni

Zentyal offre una soluzione completa se comparata con webmin, sia hanno sia il sistema operativo che l’interfaccia di gestione web e questo è veramente utile.
Zentyal è basata su Ubuntu, e visto che questa è la distro desktop principale, è probabile che abbiate familiarità con essa, o con Debian che utilizza lo stesso gestore di pacchetti.

Può essere una buona soluzione per una piccola azienda che necessita di un server centrale per fornire servizi di rete senza un amministratore di sistema dedicato.

Popular Posts:

flattr this!

  2 Responses to “Zentyal The Linux Small Business Server”

  1. Interessante questa distribuzione qualcuno l’ha mai usata?
    Sarebbe utile avere qualche opinione!!

    • Ciao,
      Nei commenti dell’articolo 4 modi per amministrare Linux con una interfaccia web un utente si è detto molto soddisfatto di questa soluzione per i suoi clienti.

      Anche secondo me è una buona soluzione se devi per esempio installare un piccolo server (per ufficio o gruppo di lavoro) e vuoi lasciare la gestione delle cose a loro, l’interfaccia web sembra molto ben fatta e riesce a gestire un discreto numero di cose, poi dove non arriva bisogna andarci a “mano” con un terminale, in fondo è sempre una ubuntu 10.04 ;)

      Ciao

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>