Sep 132014
 

SystemdArticolo di Stuart Burns pubblicato su Openlogic.com

Con il rilascio di Red Hat Enterprise Linux 7  e CentOS versione 7, ora è un buon momento per parlare di systemd, che sostituirà il classico System V (SysV) per tutti gli script di avvio e runlevel. Le distribuzioni basate su Red Hat-stanno migrando a systemd perché fornisce modi più efficienti di gestione dei servizi e tempi di avvio più rapidi. Con systemd ci sono meno file da modificare, e tutti i servizi sono compartimenti stagni separati gli uni dagli altri. Ciò significa che nel caso in cui si dovesse rovinare un file di configurazione, non si influirà automaticamente sugli altri servizi.

Systemd è il responsabile del sistema e dei servizi di default in Red Hat Fedora dal rilascio di Fedora 15, quindi è ampiamente testato sul campo. Esso fornisce una maggiore coerenza e capacità di risoluzione dei problemi SysV – per esempio, segnalerà se un servizio non è ripartito, è sospeso, o è in errore. Forse il più grande motivo per il passaggio a systemd è che consente a più servizi di partire, allo stesso tempo, in parallelo, rendendo i tempi di avvio della macchina più veloci di quanto lo sarebbero con un runlevel classico.

Continue reading »

flattr this!

Aug 312014
 

Qualche tempo fa ho postato un articolo su shelr.tv un sito web e un servizio che era stato fatto per consentire la condivisione di una registrazione del terminale direttamente dal sito web.

Ora il sito di shelr.tv sembra morto e così ho dato un’occhiata in giro per vedere se ci sono siti simile ed ho trovato commands.com.

Per quello che posso vedere dal loro sito è un servizio simile all’altro, quindi facciamo un test per vedere se ci può essere utile. Continue reading »

flattr this!

Aug 292014
 

Se si gestisce un server con molti utenti diversi o semplicemente il computer di famiglia si avranno probabilmente molti account diversi da gestire, ed un aspetto importante di qualsiasi account è la sua password.

In questo piccolo articolo vi mostrerò come utilizzare il comando passwd , ma anche il modo di fare qualche piccolo script bash o utilizzare una applicazione web, nel caso in cui si disponga di un ambiente più complesso, come ad esempio un server centrale LDAP che mantiene tutte le informazioni sugli account.

Continue reading »

flattr this!

Aug 232014
 

KernelPanic Fortunatamente questo problema non accade così frequentemente, almeno con una distribuzione e kernel stabilie, ma a volte il vostro amato Linux potrebbe andare in “Kernel Panic”.

Un kernel panic è un’azione intrapresa da un sistema operativo in caso di rilevamento di un errore fatale che non può recuperare in modo sicuro. Il termine è in gran parte specifico per sistemi Unix e Unix-like; per i sistemi operativi Microsoft Windows il termine equivalente è “errore di stop” (o, colloquialmente BSOD “Blue Screen of Death”).

Le routine del kernel che si occupano dell’opzione panico, nota come panic() nei derivati UNIX di AT&T ​​e BSD Unix, sono generalmente progettati per emettere un messaggio d’errore su console, scaricare l’immagine della memoria del kernel su disco per una analisi post-mortem di debug e poi o attendere che il sistema sia riavviato manualmente, o effettuare un riavvio automatico.

Wikipedia

L’impostazione predefinita è di aspettare, quindi se questo accade su uno dei vostri server e non ve ne accorgete tutti i suoi servizi potrebbro stare giù per qualche tempo, mentre con l’utilizzo di un riavvio automatico il problema potrebbe essere risolto rapidamente.

Continue reading »

flattr this!

Aug 192014
 

Qual è la tua velocità di upload e di download da casa (o in ufficio)? Sei davvero sicuro di ottenere dal tuo ISP quello per cui stai pagando ? Per testare la velocità della nostra connessione internet sono disponibili diversi servizi internet come ad esempio SpeedTest un servizio web disponibile sia da browser web che applicazione mobile. Ora si può facilmente fare un test anche con speedtest_cli una interfaccia a riga di comando per il test della larghezza di banda internet utilizzando speedtest.net . In questo modo si può fare il test anche sui server che non dispongono di un browser o di un’interfaccia grafica. Continue reading »

flattr this!