lug 062013
 

Oggi voglio mostrarvi uno dei miei programmi essenziali quando programmo o navigo in rete.
Clementine è uno dei migliori lettori audio, iper-completo, altamente configurabile, potente ma facile da usare, Clementine Player è semplicemente l’ideale per me. Multipiattaforma, open source e gratuito, è una vera e propria perla da provare senza esitazione.

Clementine è un lettore musicale e organizzatore della propria collezione musicale, è un port di Amarok 1.4 al framework Qt4 ed al framework multimediale GStreamer. E’ disponibile per Unix, Windows e Mac OS X.
Clementine è stato creato durante la transizione di Amarok dalla versione 1.4 alla versione 2, e lo spostamento di focus ad esso connesso, che è stato criticato da molti utenti. La prima versione di Clementine è stata rilasciata nel febbraio 2010

Se siete stati un utente Windows, vi siete spostati di recente su Linux e cercate qualcosa di equivalente a Winamp e iTunes, o semplicemente siete alla ricerca di un buon strumento per organizzare la vostra libreria musicale e godervi la musica, questa è una ragione in più per cui questo articolo è per voi.




Non è così difficile da trovare su Internet, un gestore della libreria audio o lettore audio, ci sono molte alternative come Amarok e Winamp … ma è difficile trovare un buon organizzatore della propria libreria.

Clementine Player è un software open source con molte caratteristiche molto ben implementate. Si ispira ad Amarok, concentrandosi su una interfaccia veloce e facile da usare per la ricerca e la riproduzione della musica. Supporta i formati audio più comuni (mp3, ogg, flac, aac, ecc) ..

Interfaccia

Il software è costruito intorno a quattro aree principali: la barra laterale dove è scegliere l’accesso alle varie sorgenti da cui attingere le informazioni, il pannello di navigazione per selezionare artisti, album e/o titoli da aggiungere alla playlist, la playlist a destra e infine la barra di riproduzione nella parte inferiore.

clementine-1.1-3

Caratteristiche:

  • Semplice da usare, l’utente potrà scegliere alla sua prima esecuzione i file da inserire nella sua libreria musicale.
  • Oltre alla biblioteca inizialmente creata e aggiornata ad ogni avvio, l’utente può accedere alla musica direttamente tramite un browser di file o all’accesso a vari servizi online come le radio internet (Digitally Imported, Icecast, JAZZRADIO.com, Magnatune, Jamendo, SKY.fm , SomaFM).
  • Fornisce un accesso semplice ai servizi di ascolto a pagamento e gratuiti (Spotify, Grooveshark, SoundCloud, Last.fm), ed al cloud storage (Google Drive), offrendo la funzione di collegare il software con ID e password, di ricerca e di riprodurre i brani.
  • È possibile creare facilmente playlist intelligenti e playlist dinamiche, e gestirle con molte opzioni come lo shuffle, l’ordinamento per le canzoni maggiormente riprodotte o meglio valutate, con un gestore di coda programmabile scegliere un ordine per alcune canzoni.
  • Si può modificare semplicemente i tag dei brani, eseguire modifiche dirette su un elenco di canzoni, e aggiungere una foto di copertina ai brani o scaricare le copertine degli album a cui manca da Last.fm e Amazon.
  • E’ molto ben integrata in Linux in quanto mostra le notifiche desktop native utilizzando libnotify, e può essere controllata rapidamente tramite il menu del suono sia in gnome-shell che unity.
  • Codifica la musica in MP3, Ogg Vorbis, Ogg Speex, FLAC o AAC.
  • Si può usare per copiare musica su iPod, iPhone, MTP o una generica chiave USB


Installazione:

Clementine è presente di default nei repository di molte distribuzioni Linux, quindi nelle distribuzioni Linux basate sui .deb (come Debian, Ubuntu e Mint) si può semplicemente installarlo digitando sudo apt-get install clementine in un terminale.
Se non è presente nella versione di Ubuntu o Mint che si sta utilizzando si può semplicemente aggiungere un PPA e installarlo digitando questi comandi:

sudo add-apt-repository ppa:me-davidsansome/clementine
sudo apt-get update
sudo apt-get install clementine

Oppure, se si sta usando Ubuntu si può trovare in Ubuntu Software Center e installarla graficamente.

In caso contrario, è possibile scaricarlo dal sito ufficiale http://www.clementine-player.org/en/downloads ed ottenere la versione adatta al vostro sistema operativo.
C”è ovviamente anche la possibilità di scaricare il pacchetto con il codice sorgente e compilarlo da soli, maggiori istruzioni possono essere trovate qui

Conclusione

Se volete saperne di più su Clementine Penso che il modo migliore per farlo sia quello di provare il software da soli e godersi l’esperienza.


Popular Posts:

flattr this!

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>