mar 042013
 

Proxmox Ve è un progetto Open Source sviluppato e gestito da Proxmox Server Solutions GmbH in Austria, sotto gli auspici della fondazione Internet d’Austria (IPA) ed è rilasciato sotto la GNU General Public License 3. Si tratta di una soluzione basata su Debian 6 Squeeze, a 64 bit, che configurata “su misura”, permette di creare un ambiente di virtualizzazione di tipo “bare metal” basato sulle tecnologie OpenVZ e KVM.

Proxmox, ha annunciato oggi il rilascio della versione 2.3. La versione offre nuove caratteristiche interessanti come la tecnologia di backup in tempo reale per KVM, nonché l’integrazione del Ceph RBD (Block Device RADOS) come plug-in di archiviazione.



Ambiente di virtualizzazione Proxmox 2,3

L’ambiente di virtualizzazione Proxmox è una soluzione completa open-source di gestione della virtualizzazione per i server. Unisce Kernel-based Virtual Machine (KVM) e contenitori OpenVZ su una piattaforma gestibile tramite una veloce GUI web. Con il cluster HA, Proxmox VE soddisfa i requisiti di alta disponibilità delle aziende.
Proxmox si basa sulla stable di Debian GNU/Linux con una versione modificata del kernel RHEL6.

E’ rilasciato con licenza Affero GNU General Public License v3 (AGPL v3) e distribuito in una soluzione gratuita a disposizione delle imprese. Il VE Proxmox 2,3 GUI è disponibile per più di 14 lingue.

backup e ripristino in KVM

La caratteristica fondamentale di VE Proxmox 2.3 è il nuovo backup e ripristino per KVM, in sostituzione agli snapshot LVM. Il vantaggio del backup KVM live è che funziona per tutti i tipi di storage comprese le immagini di macchine virtuali su NFS, iSCSI LUN, Ceph RBD o Sheepdog. Il nuovo formato di backup è ottimizzato per l’archiviazione dei backup di macchine virtuali veloci ed efficaci (sparse files, out of order data, ridurre al minimo I/O).

Il V2.3 include anche l’ultima versione di QEMU/KVM la 1.4 con molti miglioramenti così come il supporto GUI per la conservazione dei dischi delle VM di KVM su dispositivi di memorizzazione di tipo Ceph RADOS Block Device (RBD).

Gestione della memoria dinamica

Una gestione della memoria ottimizzata ed efficace è un fattore chiave negli ambienti di virtualizzazione.
KSM e Auto-Ballooning consentono configurazioni sofisticate ed economiche per l’utilizzo di RAM fisica. Memory ballooning (solo KVM) permette di dare al vostro sistema guest la possibilità di cambiare dinamicamente il suo utilizzo di memoria eliminando la memoria inutilizzata in fase di esecuzione. Riduce l’impatto che il vostro sistema guest può avere sull’utilizzo della memoria del vostro sistema host, in quanto gli permette di dare indietro la memoria inutilizzata al sistema l’host.

Proxmox Virtual Environment 2.3 è l’alternativa open-source business a VMware vSphere, Microsoft Hyper-V, Oracle VM o Citrix XenServer

, dice Martin Maurer, CEO di Proxmox Server Solutions GmbH. Oltre ai regolari aggiornamenti del prodotto, una comunità enorme e attiva (più di 20.000 membri del forum della comunità) e partner in tutto il mondo, gli utenti della rete VE Proxmox possono beneficiare di servizi quali abbonamenti a supporto alle imprese e corsi di formazione.

Disponibilità e maggiori informazioni:

Sito web: www.proxmox.com
Wiki Proxmox VE: http://pve.proxmox.com/wiki/Main_Page
Proxmox Virtual Environment 2.3 è disponibile come immagine ISO scaricabile a http://www.proxmox.com/downloads/proxmox-ve


Popular Posts:

flattr this!

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>