mar 032012
 

Il mese scorso non ho fatto questa piccola classifica degli articoli più letti su linuxaria.com, ne approfitto quindi ora per vedere assieme a voi sia per il mese di gennaio che di febbraio quali sono stati gli articoli più graditi:

7 – Miro Internet TV: Internet TV per il Desktop Ubuntu

Miro , una nuova applicazione per la visione dei video su Internet è stata progettata per essere una appplicazione semplice che darà agli utenti un incredibile spettacolo a schermo intero . Con più di migliaia di video gratuiti che possono essere visualizzati da Internet, Miro offre all’utente la possibilità di scaricare tutti i video scelti non appena vengono rilasciati.

Miro, lanciato nel 2005, poi rinnovato nel 2007 (è stato lanciato come Democracy Player), è scritto in Python. Miro ha un WebKit embedded per Linux (Mozilla Gecko/XUL until 3.0.2) . Con la versione aggiornata di 3,0, Miro offre GTK e cacao per i nuovi sistemi Windows e Linux.

Semplice? Si Grazie!

A differenza dei programmi di condivisione di media, Miro ha una funzione che permette all’utente di visualizzare in anteprima spettacoli e musica, prima di scaricare o di effettuare un acquisto finale. Avendo questa caratteristica speciale, Miro può risparmiare tempo di navigazione in rete, fatica, e lo spazio del computer.

6 – XBMC! Ecco come trasformare Ubuntu nel Media Center dei tuoi desideri..

Avete un bel televisore o un proiettore? Siete proprio finiti nel posto giusto. Oggi vedremo come fare una incredibile e sorprendente combinazione tra un PC dalle basse prestazioni e un bel televisore o proiettore che sia. Il nostro obbiettivo sarà quello di trasformare questo vecchio PC in un fantastico Media Center che vi concederà tantissime possibilità.
Dalla visualizzazione di Film e/o video, all’ascoltare musica(eccellente se avete collegato un buon impianto audio), un eccellente visualizzatore di fotografie e navigatore per il WEB con un semplice click.

Tutto questo sarà possibile con XBMC

5 – Come fare un Caffè con Linux

Avete mai avuto la voglia di costruire qualcosa, e chiedervi: “Come posso fare un torrefattore di caffè fatto in casa?” Beh, fortunatamente per noi, qualcuno ha già pensato alle basi. Ma, poi c’è quella piccola domanda rimasta nella parte posteriore del nostro cervello, “Posso far controllare dal mio portatile Linux il torrefattore fatto in casa?” Sorpresa, sorpresa ! Qualcuno lo ha già pensato, e lo ha rilasciato pubblicamente, in modo che gli amanti della tecnologia ed inclini al bere il caffè possano avere qualcosa da fare durante la pausa invernale.

4 – opensource Asset Management software : Uranos

Nei 3 precedenti articoli di questa serie abbiamo visto OCSInventory, Fusion Inventory e GLPI 3 software con cui è possibile creare un inventario delle risorse software ed hardware del computer.

Oggi daremo un’occhiata ad un altro software: Uranos (Unattended Resolution in A Nutshell – OS).

Unattended Resolution in A Nutshell – OS è un software open source che vi permetterà di eseguire Asset Management, Monitoring, Software Distribution, ed attività automatiche. E’ gratuito sia per uso personale che commerciale e rilasciato sotto licenza GPL.


3 – Volete trasformare il vostro vecchio PC in un Jukebox digitale? Ecco la guida passo per passo.

Sono tante le persone che nella propria cantina o soffitta, possiedono dei computer obsoleti o che, comunque, non utilizzano perché considerati troppo vecchi e surclassati.
Oggi vedremo una delle tante possibilità per recuperare un vecchio PC. Oggi vedremo come trasformare il vostro PC in un fantastico Jukebox digitale. Avrete la possibilità di ascoltare musica con una vera stazione professionale! Cosa vi serve? Niente di più che il vostro vecchio PC e, ovviamente, delle casse o impianto audio discreto. Se poi, volete il massimo, prendete anche il vostro smartphone Android e vedrete cosa si potrà fare!

2 - Recuperare i vostri file cancellati con l’utility Scalpel

Avete cancellato accidentalmente un file importante, perché sete abituati ad usare “Shift + Canc”, piuttosto che solo cancellarli? Beh, non fatevi prendere dal panico. C’è un programma di utilità chiamato “scalpel” (bisturi) che vi aiuterà nel recuperare i file cosiddetti “permanentemente cancellati”. In realtà quando si elimina un file in modo permanente (accidentalmente o per intenzione), Non è rimosso dal disco rigido. Continua ad essere memorizzato in certi blocchi del vostro dispositivo di memorizzazione e continua ad esistere a meno che non lo sovrascriviate con un altro file. In questo articolo parleremo di un programma che vi aiuterà nel recuperare i file. E’ sempre consigliabile non recuperare un file da un dispositivo quando è montato. Si dovrebbe sempre eseguire il processo di recupero partendo con un Live CD e facendo poi una ricerca del file nel dispositivo, nel mio caso il dispositivo è /dev/sda1. Se non riuscite a comprendere la condizione precedente, non pensateci più. Non ho intenzione di annoiarvi con la parte teorica. Diamo uno sguardo al programma di utilità.

1 – Il miglior filesystem per un disco rigido esterno da 1TB con supporto multipiattaforma..

I dischi sono sempre meno costosi e quindi sta diventando comune avere sulla nostra scrivania un hard disk esterno (solitamente USB) con una dimensione di 1TB.
Ora, una volta che portiamo a casa il nostro nuovo gadget la prima domanda per noi è: “quale filesystem dovrei usare con questo disco di grandi dimensioni?”

Ci sono un sacco di opzioni e il punto principale è rappresentato da una semplice domanda: vogliamo utilizzare questo disco con diversi sistemi operativi?
Forse avete un computer con un dual boot con un sistema operativo Windows, o forse si prevede di utilizzare il disco rigido esterno anche con il vostro MacBook … o collegarlo a un televisore.

Vediamo alcune opzioni che avete a disposizione a seconda delle vostre esigenze.

Popular Posts:

flattr this!

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>