dic 022010
 

qemuHo ricevuto e pubblico molto volentieri questo articolo di Francesco:

Ogni giorno leggiamo di nuove distribuzioni Linux (GNU/Linux per la precisione) e a volte capita di volerle provare “su strada”, anche quelle che non hanno una versione live. Il primo programma che viene in mente, penso, sia proprio Qemu. Ma penso anche che si cerchi subito una alternativa più amichevole. La seconda scelta penso sia Virtualbox, una soluzione basata su Qemu che ti dà subito e senza sforzo tutto quello di cui hai bisogno. Ma è proprio necessario usare un programma che aggiunge altri processi inutili alla nostra macchina Linux? Per quanto mi riguarda no. Ovviamente, affinché mi crediate, il tutto deve essere corredato da una interfaccia grafica “a prova di mouse” e non deve essere usato nessun terminale.

Non ci credete?

Programmi necessari:

  • qemu, il programma principale a linea di comando;
  • qemu-launcher, intefaccia grafica di qemu;
  • qemu-control, add-on di qemu-launcher.

Continue reading »

flattr this!

ott 102010
 

winbox virtualboxIntroduzione
Come la maggior parte della gente, quando ho iniziato ad usare Linux, ho creato partizioni separate per Linux ed utilizzato LILO o GRUB per l’avvio di Windows o Linux, a seconda delle diverse esigenze di lavoro.

Io di solito usavo il mio PC portatile durante la giornata in una società che utilizzava applicazioni Windows in una rete LAN in ambiente Windows e quindi normalmente dovevo fare il boot di Windows durante il giorno per lavorare con i miei colleghi mentre a casa avviavo principalmente Linux. Questo approccio ha alcuni svantaggi come ad esempio:

  • Le mie email di lavoro e-mail erano salvate in Microsoft Outlook e dovevo fare boot con Windows per accedervi.
  • Ho usato KMail (e più tardi Mozilla Thunderbird) per le mie email personali e dovevo fare boot con Linux per accedervi.
  • Potevo accedere alle cartelle Window da Linux e copiare i dati da Windows, ma non potevo accedere a qualsiasi directory Linux da Windows.

Continue reading »

flattr this!

set 122010
 

virtualboxIn questo articolo voglio parlarvi di tre ottimi software per realizzare la virtualizzazione sul vostro computer di casa.

Perchè virtualizzare ?
I computer attuali hanno capacità di CPU e RAM molto interessanti anche solo rispetto a 3 o 4 anni fà e quindi c’e’ tutto lo spazio per far partire un secondo sistema operativo in parallelo al vostro sistema operativo principale, ma perchè farlo ?

  • Avere un sistema operativo diverso (Win, o un altro linux)
  • Fare dei test su una nuova distribuzione
  • Preparare un ambiente dedicato per un prodotto, ad esempio io ho una macchian virtuale con installato apache+mysql più tutto quello che serve per il mio sito WordPress

I 3 prodotti che installerò ed analizzerò sulla mia macchina Ubuntu 10.04 sono:

  1. Vmware player
  2. Virtualbox (OSE)
  3. KVM

Per ognuno di loro valuterò con un voto da 1 a 3:

  • Facilità di installazione
  • Strumenti di amministrazione
  • Funzionalità.
  • Virtual appliance disponibili
  • Conclusioni

Continue reading »

flattr this!